Organi Istituzionali
- Sindaco
-
Consiglio e Giunta
- Statuto
 Segreteria
3
- Gare e concorsi
- Organigramma
- Serv. Demografici
 Finanze e Tributi
2
- ICI
- TARSU
- COSAP
- Servizi Cimiteriali

- Avvisi
 Ufficio Tecnico
1
- Bandi di Gara
- Modulistica
- Sport.Unico Edilizia
- Lavori Pubblici e     Tecnologici
- Edilizia Privata
 Polizia locale
- Ordinanze
- Info Generiche
 Giovani
- Segreteria Giovani
- Ags
 Servizi Socio-culturali
- Museo e turismo
- Biblioteca
- Eventi culturali
- Teatro
 Sport
- Campo Sportivo
- Palestra Comunale
- Nuove strutture


Sant'Oreste - Informazioni Utili -

Attività

Soggiorno

Come raggiungerci

Numeri Utili:

Ospedale:
Pronto Soccorso:
Ambulatorio:
Carabinieri:
Vigili del fuoco:
Vigili Urbani:
Uffiocio Postale:

Comune di Sant'Oreste:

Anagrafe:
Biblioteca:
Ufficio Tecnico:
Segreteria:
Centro Anziani:

Attività nella Riserva

Oltre alle attività escursionistiche e naturalistiche, per­corsi vita, percorsi ciclabili, trekking ecc, la Riserva offre notevoli possibilità agli appassionati di speleologia, astronomia, parapendio e free climbing. Infatti, grazie alla sua conformazione geomorfologica il Soratte è ideale per lo sport del parapendio, soprattutto nei mesi primaverili ed estivi, con voli sia in termica, sfruttando le bolle di aria più calda che si staccano dalle pendici o in valle, oppure in dinamica sfruttando l'azione meccanica del vento, che risalendo il monte crea un cuscino d'aria lungo tutta la cresta ideale per il veleggia-mento. Il decollo è situato sulla sommità dei monte pres­so la chiesa di San Silvestro ad una quota di 691 m . s.l.m. con vento ottimale da Sud-Ovest, raggiungibile mediante la strada che dal paese porta al convento per poi proseguire a piedi per 200 m . circa fino alla vetta. In memoria di un eremita Fra Camillo vissuto sul Soratte negli anni venti, inventore e collaudatore di una strana e fantasiosa macchina per volare, il Rotoplano, è nato il Club di Parapendio Volo Libero Fra Camillo, che gestisce l'area di decollo ed il volo sul Soratte. L'esistenza di grotte carsiche all'interno del Monte attira speleologi e semplici visitatori. Ne sono censite circa una dozzina di cui tra le più importanti segnaliamo la grotta di S. Lucia, "I Meri" e la grotta "azzurra". Una piccola falesia, denominata "II giardino del drago" posta sul versante ovest, in prossimità dei ruderi di Sant'Antonio, scoperta negli anni 80, ha visto nascere lentamente 14 vie dal 5A al 6C+, ed è divisa in tre setto­ri: "La parete dell'ultimo Sole", "II giardino" ed "II drago". L'ambiente splendido, la calma, il silenzio del luogo, fanno passare in secondo piano la roccia non sempre ottima e la brevità delle vie. Alla base delle pareti si trova un cartello con tutte le notizie ed una piantina della fale­sia. Il giardino del drago è un luogo per romantici e sognatori dove si può arrampicare aspettando che il sole tramonti specchiandosi nel lago di Bracciano. Grazie alla nitidezza del cielo e alla mancanza di illumi-nazione artificiale si consiglia agli amanti dell'astronomia ed ai romantici di recarsi, per gustare in silenzio le bel­lezze stellari, alla sommità del Monte presso la Chiesa di San Silvestro.

Top

Possibilità di soggiorno:

Per chi è interessato a passare un weekend a contatto con la natura, Sant'Oreste offre la possibilità di vitto e alloggio nella Riserva Naturale presso l'Eremo di Santa Maria delle Grazie.
Per gli escursionisti è offerta la possibilità di campeggiare lungo il percorso degli Eremi in Loc. Santa Lucia e di godere del meraviglioso panorama offerto dal luogo.
Per quanto riguarda la cucina locale si possono assapo­rare piatti semplici e tipicamente campagnoli, come i "maccheroni tonni", gli "gnocchetti con i fagioli", le "fet-tuccine fatte in casa", la "polenta alla spianatura", il "pol­lastro con i peperoni", gli "arrosticini di castrato" e l'ab­bacchio, accompagnati da un buon vino, come ad esem­pio il "Legno Duro", che ha caratteristiche simili al vino pugliese "Primitivo di Manduria", ma con sentori fruttati più leggeri.

Top

Come raggiungerci:

A soli 50 minuti da Roma, percorrendo la via Flaminia, si può arrivare a Sant'Oreste, un paese alle pendici della Riserva Naturale Monte Soratte, dove si possono degustare i piatti tipici, l'olio ed il vino locale.


                 Sant'Oreste

1 2
designed by:
Chromatika Multimedia